21 luglio, 2018

Il portale podistico
Riccardo Mares ci racconta la sua Venicemarathon

Riccardo Mares ci racconta la sua Venicemarathon

image-26-10-15-03-20Prima maratona, tante emozioni: Venezia è Venezia e la sua maratona la rispecchia, così è la città così è la corsa. O la ami o la odi. Una partenza speciale nella splendida Stra accompagnata da 15 km di calore umano. Poi le prime difficoltà che ti accompagnano verso il cattivissimo ponte di San Giuliano e l’infinito e tristissimo ponte di Via della Libertà, psicologicamente in grado di abbattere chiunque. Poi però arrivi dentro a Venezia e l’oceano di persone in Piazza San Marco ti avvolge e a stento si tengono le lacrime. Prima maratona, un progetto che ho avuto la fortuna di fare supportato da un progetto di Garmin chiamato #RoadToVenice, che mi ha affiancato tecnologia e un coach meraviglioso: l’IronMan Emiliano Agnello. Dopo tante mezze maratone – alcune fatte in modo totalmente scanzonato – gli allenamenti veri sono iniziati a Marzo, con una torrida estate in mezzo. Sensazioni meravigliose, fino ai 30 km non mi pareva vero di come andavo. Poi i primi risentimenti muscolari e la sensazione che iniziavano le difficoltà: ho deciso di mollarci un po’ e di godermi semplicemente l’avventura, come consigliato da Fulvio Massini e Stefano Baldini il giorno prima (si, ho avuto la fortuna di parlare e correre con loro!). Poi il traguardo, con Emiliano che mi accompagnato quasi fino a sotto: ho fatto fatica a non scoppiare in lacrime. Tempo (per quello che importa) 3:43, con quei 13 minuti che mi urlano che ci devo riprovare.

 

About The Author

Il Portale podistico www.salcus.it nasce con l’intento di diffondere le classifiche e le news podistiche sul web. Run is Life. GP Salcus

Related posts