12 Agosto, 2022

Il portale podistico
Resoconto della conferenza di Andrea Roveri: "Marathon Des Sables 2011"

Resoconto della conferenza di Andrea Roveri: "Marathon Des Sables 2011"

Sabato mattina 26 giugno presso il Centro Universitario Sportivo di Ferrara in via Gramicia si è svolta l’importantissima ed emozionante conferenza dell’atleta ferrarese Andrea Roveri.  Oltre al nostro protagonista erano presenti le seguenti figure professionali: Luciano Masieri (assessore allo sport di Ferrara), il Prof. Edoardo Canducci (professore ordinario presso la sezione di nutrizione clinica dell’Università di Ferrara), il Dr. Rodolfo Pazzi (sezione di nutrizione clinica dell’Università di Ferrara), il Dr. Enrico Ricci (biologo nutrizionista), Dr. Maurizio Marchetti (fisioterapista), Fausto Molinari (preparatore atletico), Paolo Venturini (atleta esperto delle Fiamme Oro Padova) e la coordinatrice del progetto “Marathon des Sables 2011” Marina Tagliati. Quasi tutti gli interventi degli esperti hanno sottolineato l’importanza della manifestazione sportiva, ma soprattutto l’enorme sacrificio e le insidie che Andrea dovrà affrontare, sia durante i duri allenamenti, sia nel periodo della gara (dal 1 di Aprile 2011). Tale progetto è finalizzato inoltre a sostenere un’iniziativa di carattere umanitario, ancora in corso di valutazione, ma comunque orientata a devolvere fondi ad un’organizzazione internazionale operativa in Paesi in via di sviluppo.

  Il costo di partecipazione a tale manifestazione è stimato in un importo totale di circa 10.000 euro, comprensivo di quota di iscrizione alla competizione, adeguata copertura assicurativa a favore dell’atleta, acquisto del materiale tecnico necessario ad affrontare la sfida nel deserto nonché delle spese necessarie a garantire visibilità agli sponsors/partners aderenti. Visibilità che sarà assicurata attraverso:

  • organizzazione di conferenze stampa finalizzate fin d’ora ad illustrare l’iniziativa alla cittadinanza ferrarese; nel corso di tali conferenze, le ditte sponsorizzatrici verranno invitate a presentare i loro prodotti ed attività; analoga iniziativa verrà organizzata al rientro dell’atleta dalla Marathon des Sables;

 

  • creazione di una pagina web e blog di Andrea Roveri, mirato a fornire informazioni/notizie sulla competizione nonché sullo stato di avanzamento della sua preparazione atletica. A tale pagina web si accederà tramite link posto sul sito del CUS Ferrara e in tale pagina verrà dedicato uno spazio stabile agli sponsors dell’impresa;

 

  • indicazione del nome degli sponsors su tutto l’abbigliamento tecnico indossato da Andrea Roveri sia nella fase di allenamento sia nel corso della manifestazione, con conseguente visibilità delle ditte aderenti anche a livello internazionale;

 

  • programmazione di incontri periodici con Andrea Roveri sulle emittenti locali, nel corso dei quali verrà dato ampio risalto agli sponsors/partners sostenitori;

 

  • stampa di locandine, adesivi, magliette promotrici dell’iniziativa recanti i nomi degli sponsors aderenti;

 

  • possibilità, per le ditte sponsorizzatrici, di utilizzare immagini di Andrea Roveri o filmati ripresi durante la Marathon des Sables al fine di sviluppare autonome campagne pubblicitarie;

 

  • citazioni degli sponsors in filmati o reportages che verranno redatti da Andrea Roveri o dai componenti del suo Team durante e al rientro dalla manifestazione.

 

L’atleta del CUS Ferrara Andrea Roveri ha l’onore di avere al suo fianco un grande atleta esperto come Paolo Venturini  che ha già partecipato alla scorsa edizione,  il quale fornirà utili consigli su come preparare al meglio l’evento puntando molto sull’aspetto psicologico.

Ogni atleta parte munito solo di uno zaino che contiene limitate razioni di cibo, alcuni utensili (quali una pompa aspiraveleno, uno specchietto, un razzo segnalatore, un fischietto,un piccolo kit per cucina da campo, una bussola, il road-book) e l’equipaggiamento per le soste notturne nelle tende berbere.. Una sfida alla sopravvivenza umana che ogni anno si snoda lungo distanze di 30 – 42 e 80 km su percorsi impervi e costantemente mutevoli .. Una sfida che ogni partecipante lancia in primo luogo a sé stesso, ai propri limiti, alla proprie paure, alla propria solitudine ma anche alla scoperta delle inesauribili potenzialità umane, dei sentimenti più autentici, della forza interiore e fisica, della volontà di non arrendersi, dello spirito di amicizia e solidarietà..

About The Author

Related posts