14 agosto, 2018

Il portale podistico
Michele ed Alessandro alla Transcivetta 2013

Michele ed Alessandro alla Transcivetta 2013

Scritto da Michele Bedin :Eccoci!! Sono le 9 e pronti….via!! Siamo io e Ale Splendore a provare l’ennesima avventura in una corsa a dir poco spettacolare, sia dal punto di vista agonistico ma soprattutto per l’incredibile scenario delle Dolomiti nella forma maestosa del massiccio della Civetta. Abbiamo deciso di partecipare un po’ all’ultimo, circa un mese fa, quindi la preparazione non è delle piu ottimali (zero uscite in montagna per me e un collinare per Ale!!!)… e come si può immaginare, in certe gare, contro i “montanari” non c’è nulla da fare. La particolarità della gara è che è una “corsa a coppie”, ma qui la sorpresa io e Ale non siamo assieme, ma l’idea era di provare una corsa a quattro visto le potenzialità analoghe.
Prima di tutto le caratteristiche del tracciato: 23 km di gara 2000 mtD+ 1000 mtD-, percorso quasi interamente sterrato tranne i primi 3.5 km. Alla partenza

siamo davanti, a parte la coppia di testa De Colò-Follador, specialisti e plurivincitori della gara (alla fine vinceranno in poco più di 2h 8′ con 14′ di vantaggio sui secondi!!!), dietro le coppie delle prime dieci posizioni si stabilizzano sul proprio passo a distanze relativamente brevi. La prima parte è tutta in salita, tranne qualche breve “mangia e bevi” toccando i primi due rifugi: la capanna Trieste 1100 mt e lo stupendo rifugio Vazzoler 1700 mt; si capisce subito che Ale ed il suo compagno Giorgio ne hanno di più, ma io e Lorenzo nei punti dove riusciamo a vederli proviamo a tenere duro. La strada si fa sempre più ripida, gli ultimi 300 mt di dislivello prima di arrivare alla “cima Coppi” della corsa, ossia il rifugio Attilio Tissi a 2250 mt di quota, sono massacranti, si è costretti a camminare quasi arrampicando. Ale e Giorgio sono perfetti, al passaggio al rifugio sono secondi, io e Lorenzo a circa tre minuti in quinta posizione. Per me è la quinta Transcivetta ed a esperienza so bene che la corsa e tutt’altro che finita!! La salita è fatta, ma i tratti di discesa sono molto impegnativi, ci sono altre tre forcelle da affrontare e le energie cominciano ad esaurirsi … la corsa si giocherà nei rimanenti 10 Km. Giù e i crampi cominciano inesorabili, alcune coppie ci passano perchè più efficaci e disinvolti in discesa … le forcelle, soprattutto la prima di Colnegro e quella Coldai sono gremite di sostenitori e turisti che cercano di incoraggiarti in tutti i modi … veramente unici!!! Ormai dopo le fatiche dei saliscendi siamo all’ultimo rifugio il Coldai: una bevutina e giù fino ai Piani di Pezzè!! Anche qui è un delirio di folla, stanchi e felicissimi arriviamo al traguardo dove ci aspettano con trepidazione anche i nostri sostenitori per eccellenza: le famiglie!!! Nel mio caso ovviamente Ilaria e stavolta anche la mamma. Alla fine per quanto riguarda il risultato, anche se passa in secondo ordine, siamo strepitosi: Ale, un po’ ammaccato da 2/3 piccole cadute, e Giorgio 5° assoluti, io e Lorenzo 9° assoluti. Un risultato eccellente visto l’esordio dei primi due in questa gara e la non abitudine alla gare di Lorenzo (podista per caso … forse l’unico tra le prime 30 coppie). Poi per la cronaca, visto che onoravamo la squadra dei colleghi VV.F. di Belluno abbiamo stravinto il trofeo Transcivetta, il quale andava alle prime tre coppie della stessa squadra, della quale facevano parte anche i vincitori. Leccate le ferite e rifocillati, dopo le premiazioni, siamo tornati a casa certi di aver fatto una grande esperienza, portando in alto i colori della Salcus e gettando le basi per l’anno prossimo, magari facendo la squadra ufficiale Biancoceleste!!

About The Author

Il Portale podistico www.salcus.it nasce con l’intento di diffondere le classifiche e le news podistiche sul web. Run is Life. GP Salcus

Related posts