01 Novembre, 2020

Il portale podistico
"QUANDO SI HA SETE…parte 1"

"QUANDO SI HA SETE…parte 1"

L’acqua è la bevanda “principe”, la più sana per il nostro organismo.

L’acqua minerale naturale grazie al suo contenuto di minerali aiuta a reintegrare il corpo di sali di cui ha bisogno. Per definizione l’acqua minerale è un acqua prelevata da una falda sotterranea che ha caratteristiche igieniche particolari ed è riconosciuta dal Ministero della Salute per le sue proprietà chimico-fisiche (durezza, conducibilità , pH, residuo fisso, contenuto di sali).

L’acqua minerale si differenzia da quella di rubinetto,  la quale viene prelevata da falde acquifere superficiali, laghi, fiumi e può subire trattamenti come l’aggiunta di cloro. Generalmene l’acqua di rubnetto è quella che contiene più sali e,  se è controllata, può essere sostitutiva di quella minerale.

Esistono vari tipi di acqua minerale:

– minimamente mineralizzate (residuo fisso < 50 mg/l)

– oligominerali (r.f. compreso tra 50-500 mg/l)

– minerali (r.f. compreso tra 500-1000 mg/l)

Per residuo fisso (r.f.) si intende la quantità di sali minerali depositata da 1 litro d’acqua fatta evaporare a 180°C.

L’acqua rappresenta circa il 60% del peso corporeo di un adulto e l’80% di quello di un bambino, il fabbisogno giornaliero è di circa 2-2,5 litri, dipende comunque dal tipo di acqua considerata e dal soggetto.

Per chi soffre di calcoli renali si consiglia di bere acqua oligominerale o minimamente mineralizzata per la sua scarsità di sali minerali e per eliminare le scorie provvenienti dai calcoli.

Per chi fa sport è consigliabile bere un’acqua ricca di sali come quella minerale o alcune oligominerali per la presenza di calcio (utile per la solidità delle ossa), ferro (per evitare il senso di fatica dovuto all’anemia), magnesio e potassio (per facilitare la contrazione dei muscoli), il sodio e il cloro (per la regolazione del bilancio idrico).

Per chi ha la pressione alta è sconsigliabile bere un’acqua ricca di sodio.

E’ fondamentale leggere l’etichetta sulla bottiglia, soprattutto porre l’attenzione a quelle sostanze che possono essere pericolose per l’organismo controllandone il contenuto espresso in mg/l.

Ecco alcuni limiti max consentiti:

-NITRATI  4,5  mg/l

– NITRITI  0,02 (dovrebbe essere assente perchè nocivo)

-ARSENICO  0,01 (” ” ” perchè velenoso)

-FLUORURI  5,0 (non è pericoloso)

– MANGANESE  0,50

– PIOMBO  0,01 (tossico)

Alcuni consigli utili:  è buona abitudine bere uno o due bicchieri di acqua al mattino appena svegli in quanto il nostro organismo si è leggermente disidratato durante la notte. Va bene bere a stomaco vuoto prima dei pasti (soprattutto per chi vuole fare una dieta dimagrante), perchè l’acqua riempie lo stomaco e diminuisce l’appetito.

NB: controllare che sulla bottiglia sia riportata la sigla PET (polietilenetereftlato), ovvero il materiale di cui sono costituite le bottiglie , e che l’acqua sia MICROBIOLOGICAMENTE PURA.

La prossima settimana uscirà la seconda parte di questo articolo dedicato alle bevande gassate e agli alcolici. Vi ricordo che potete trovare tutti gli articoli della rubrica “PODISTI A TAVOLA” sul riquadro “categorie” a sinistra.

Ciao a presto!!!

About The Author

Related posts